“Sismabonus”: sì alla detrazione per le società danno in locazione


Per i soggetti Ires, la detrazione fiscale “Sismabonus” spetta anche se gli immobili oggetto della ristrutturazione non sono utilizzati direttamente a fini produttivi da parte delle società, ma vengono dati in affitto (Agenzia delle Entrate – Risoluzione 12 marzo 2018, n. 22/E).

L’agevolazione in esame è inserita nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia e non in quelli di risparmio energetico.
Per questi ultimi è escluso il riconoscimento delle detrazioni per i soggetti IRES che effettuano interventi di risparmio energetico su immobili locati o su immobili merce in base alla considerazione che per poter fruire della detrazione all’intervento consegua una effettiva riduzione dei consumi energetici nell’esercizio dell’attività imprenditoriale, mentre l’agevolazione non può riguardare gli interventi realizzati su beni oggetto dell’attività esercitata.
Essendo il “Sismabonus” finalizzato a favorire la messa in sicurezza degli edifici per garantire l’integrità delle persone, l’agevolazione, pertanto, sussiste anche quando i soggetti passivi Ires che possiedono o detengono l’immobile in base a un titolo idoneo non utilizzano l’edificio direttamente ai fini produttivi, ma lo destinano alla locazione.